Controllo di gestione

Il controllo di gestione nelle PMI

Il business plan è uno strumento base del controllo di gestioneLa crisi globale di questi ultimi anni ha evidenziato l’importanza della pianificazione e del controllo di gestione in tutte le aziende di qualunque dimensione esse siano.

Se è infatti vero che la crisi non poteva essere evitata, in quanto determinata e quasi imposta da meccanismi che non rientrano nel normale andamento della cosiddetta “economia reale”, è pur vero che le aziende che hanno saputo meglio destreggiarsi in questo momento di difficoltà sono quelle che attraverso sistemi di pianificazione e controllo hanno saputo cogliere in anticipo i segnali di deterioramento del mercato e hanno adottato le misure necessarie ad arginarne gli effetti.

Non si tratta però solo di aziende di grandi dimensioni. Quando si pensa a parole come business plan, budget, benchmarking, solitamente si associano ad aziende che hanno dimensioni importanti, uffici contabili con decine e decine di persone e software costosissimi.

Niente di tutto questo.

Il controllo di gestione è un atteggiamento mentale, un’esigenza di conoscenza che è alla base delle decisioni aziendali, completamente slegato dalle dimensioni o dalle disponibilità finanziare.

Per assurdo nelle piccole e medie imprese dove i processi di produzione e commercializzazione sono meno complessi, la predisposizione di sistemi di pianificazione e controllo è sicuramente più semplice e il loro costo di mantenimento contenuto (basta un PC con Excel).

In queste realtà, il costo più alto è quello del cambiamento mentale che viene chiesto sia all’imprenditore o al management e sia a chi tali procedure deve applicare.

Il business plan, il budget…. questi sconosciuti

Ogni azienda per rimanere sul mercato deve confrontarsi prima con se stessa e poi con le altre; con se stessa per verificare se il proprio business è capace di produrre utili e di remunerare il capitale investito; con le altre per verificare se il proprio modello è competitivo rispetto ai concorrenti.

Il business plan, il budget e la successiva verifica degli scostamenti sono gli strumenti che l’imprenditore ha per verificare la capacità di produrre reddito della propria azienda.

Nella maggior parte delle imprese di piccole dimensioni (ma non solo) la predisposizione di un business plan o di un budget è relegata alla fase di avvio, magari perché richiesto da leggi agevolative o dalle banche alle quali si chiedono finanziamenti.

Il business plan e il budget devono essere invece la base su cui si basa l’avvio dell’attività stessa.

Servono all’imprenditore per capire se quello che si intende iniziare potrà durare nel tempo, produrre degli utili e remunerare il capitale investito. La loro redazione è essenziale per la vita di un’azienda così come lo sono la tenuta della contabilità ai fini civilistici e fiscali, le rilevazioni di magazzino e le altre attività dalle quali dipende il successo e a volte la sopravvivenza dell’azienda stessa.

Invece così non è… ne sono la prova le tantissime aziende che purtroppo chiudono, apparentemente senza motivo, anche se guidate da artigiani validissimi, che sanno fare benissimo il loro lavoro, ma che non hanno la minima idea di quanto costa effettivamente il prodotto che hanno creato, il prezzo a cui dovrebbero venderlo e quanto hanno guadagnato.

Piccolo test

Se anche tu hai un’azienda o stai pensando di avviarne una prova a rispondere a queste semplici domande:

  • conosci l’importo dei costi fissi che sostieni per tenere in piedi la tua azienda?
  • conosci il tuo fatturato di pareggio?
  • conosci il numero dei pezzi che devi produrre o vendere per coprire i costi fissi?
  • ti sei mai chiesto alla fine dell’anno come mai pensavi di aver guadagnato e invece ti ritrovi con una perdita?

Io ti posso aiutare

Se almeno una di queste domande ti ha posto dei dubbi e ritieni che un confronto possa essere utile contattami compilando il form qua sotto.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Nome dell'azienda

Il tuo messaggio
Descrivi brevemente la tua situazione attuale
e le tue esigenze relative al controllo di gestione.